home

 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________

 

 

 

La Fondazione SoutHeritage è stata individuata fra le realtà di eccellenza del territorio lucano a cui è stato affidato lo sviluppo di uno dei progetti del programma culturale di Matera 2019 Capitale Europea della Cultura.
A giugno 2017 la fondazione ha iniziato un percorso di cooperazione con la Fondazione Matera-Basilicata 2019 e altre organizzazioni culturali della regione, produttrici dei progetti previsti nel dossier di candidatura in vista delle celebrazioni del 2019, come previsto dal percorso coordinato da Ariane Bieou, manager culturale della Fondazione Matera-Basilicata 2019, da Agostino Riitano, consulente esperto di politiche culturali, e da Ida Leone, responsabile del programma Build Up (la piattaforma di potenziamento delle competenze della scena creativa regionale).
Alla Fondazione SoutHeritage è stato affidato lo sviluppo del progetto denominato "Padiglioni Invisibili”, che intende promuovere la riflessione sulla responsabilità dell’architettura e della ricerca artistica nello spazio urbano e non.
I contributi progettuali dei padiglioni, commissionati ad architetti, artisti e progettisti riconosciuti in ambito internazionale per le loro ricerche, metodologie e pratiche afferenti i concetti, le immagini e i meccanismi di produzione dello spazio mentale e fisico e dei luoghi, saranno pensati come apporti al soggetto di ricerca da parte di differenti visioni che hanno riservato attenzioni ai temi dell’indeterminato e del non risolto, intesi come condizione paradossale di creazione e rigenerazione.
Oltre che spazi meta-funzionali i padiglioni svolgeranno la funzione di piattaforma di confronto locale e regionale sulle criticità della città e del territorio per il rilancio della qualità architettonica, spaziale e culturale della città.
Ogni padiglione sarà infatti pensato come stazione sperimentale e luogo complesso, inseriti nella complessità della città, che attraverso il potenziale trasformativo del non (pre)definito possa creare le condizioni che favoriscano una visione e una riflessione critica estetica attorno all'Idea, all'immagine e alla progettazione oggi dello spazio e del luogo, nella dimensione fisica-territoriale e in quella digitale-extraterritoriale.
Ideato e prodotto in stretta collaborazione con il SoutHeritage Innovation Lab diretto da Giusy Checola e basato nella sede della fondazione SoutHeritage a Matera, Shaping Pavilions 2017-2018 è un progetto che si dispiega nell’arco di due anni e si sviluppa attraverso una serie di attività svolte dai gruppi di lavoro e attività aperte al pubblico, come laboratori, seminari, incontri, mostre e proiezioni, attività di approfondimento e la produzione di pubblicazioni e report, esito delle fasi di ricerca e produzione, ossia di osservazione, sperimentazione teorico-pratica e elaborazione pluridisciplinare dei dati per la formulazione di proposte estetiche, concettuali e metodologiche integrabili nella futura pianificazione spaziale e territoriale-culturale della regione.

 

 

Settembre 2017

PADIGLIONI INVISIBILI working paper series / #1- Partnerships